Navigazione del sito profilideirequisiti.ch

Tipica situazione lavorativa

Sara lavora in un asilo nido e oggi ha il turno di mattina. Ieri sono arrivati due nuovi ospiti che vanno abituati all'ambiente. Sara legge nel diario interno gli appunti dei suoi colleghi per farsi un'idea di com'è andata la giornata di ieri e ne discute con la responsabile.

Quando cominciano ad arrivare i primi genitori con i bambini, Sara saluta e accoglie tutti cordialmente. Leo, uno dei bambini nuovi, è in lacrime e si nasconde dietro la gamba di suo padre. Sara s'inginocchia e lo saluta. Gli chiede se anche oggi ha voglia di fare un puzzle insieme a lei. Benché la osservi incuriosito, Leo rimane attaccato alla gamba di suo padre, che lo incoraggia ad accettare la proposta di Sara. Alla fine, i due riescono a convincere il piccolo a congedarsi dal papà, dare la mano a Sara e lasciare che lei lo accompagni nella sala delle attività di gruppo.

Sara è concentrata a giocare con Leo quando, tutt'a un tratto, lui vede due bambini con un grande camion dei pompieri. Sara ascolta mentre Leo le racconta di averne visto uno così sul cammino da casa al nido. Poco dopo, Leo si avvicina ai due bambini per vedere l'autocisterna da vicino. Sara osserva i tre che giocano assieme. Più tardi, vogliono andare in giardino e Sara li aiuta a infilarsi scarpe e cappotti.

Alla fine del suo turno, Sara annota gli eventi rilevanti del giorno nel diario interno, affinché ne siano informati anche i suoi colleghi.

Quattro giorni dopo, c'è la riunione settimanale con il team. La responsabile chiede se qualcuno ha osservazioni o domande da fare, in particolare in merito ai due nuovi arrivati. Poiché Sara è stata designata come persona di riferimento per Leo, spiega le sue impressioni sul bambino. Descrive gli sviluppi che ha osservato nei primi quattro giorni e come Leo ora partecipi alle attività di gruppo. Ascolta attentamente quanto hanno da dire i colleghi riguardo alle loro esperienze e dà una sua valutazione sulla situazione attuale del gruppo. Infine, preparano insieme il primo colloquio con i genitori.

Altri requisiti

  • Resistenza emotiva (per i casi di assistenza più difficili)
  • Alta concentrazione e resistenza (bisogna occuparsi di tante persone con poco personale a disposizione)
  • Flessibilità negli orari di lavoro (lavoro a turni e nei fine settimana)
  • Atteggiamento aperto
  • Piacere nei contatti intensi, empatia
  • Spiccata capacità di lavorare in team
  • Competenze interculturali
  • Integrità irreprensibile
  • Capacità riflessive

Particolarità

  • Per questa professione esistono quattro indirizzi professionali (Assistenza agli handicappati, Assistenza agli anziani, Assistenza all'infanzia, Formazione generica) con requisiti specifici.